Alla scoperta di Giorgio Vasari

Alla scoperta di Giorgio Vasari

#

Giorgio Vasari (Arezzo 1511- Firenze 1574) è stato un artista versatile, scrittore del primo trattato di storia dell’arte dell’umanità (Le Vite), architetto degli Uffizi, nonché appassionato pittore. Nel corso della sua lunga carriera, ha lasciato ad Arezzo maestose architetture, come il  loggiato di Piazza Grande, e raffinate pitture, che fanno oggi bella mostra di sé all’interno di chiese e musei. Tutta da scoprire è Casa Vasari: l’edificio venne acquistato dall’artista nel 1541 e da lui scelto non solo come dimora nuziale ma anche come luogo per accogliere una vasta collezione di opere d’arte di artisti suoi contemporanei. Il Vasari inoltre arricchì tutte le sale dell’abitazione con una decorazione di vivacissimi affreschi che celebrano l’Arte e l’Artista.

Dopo la visita della casa Vasari proseguiamo per la Chiesa della  Santissima Annunziata, solenne chiesa rinascimentale edificata in seguito al miracolo compiuto dalla Madonna delle Lacrime il 26 febbraio 1490. Al suo interno si conserva una giovanile Deposizione  di Giorgio Vasari, sul cui sfondo si intravede la città di Arezzo.

Infine visita della Badia delle Sante Flora e Lucilla, chiesa vasariana per eccellenza dal momento che la struttura architettonica attuale è frutto di un profondo rinnovamento e restauro progettato dall’artista aretino nel 1565. All’interno inoltre si possono ammirare due capolavori dello stesso: una grande tavola con l’Assunzione della Vergine e un monumentale Altare “tutto ornato di ori, marmi e pitture” realizzato in origine per la Pieve di Santa Maria, che doveva servire sia come altare maggiore della chiesa (parte davanti) sia come altare della cappella di famiglia (retro) ed evidente ne risulta l’intento attraverso la glorificazione della propria casata.

Si prosegue fino a piazza Grande per ammirare le logge del Vasari e il palazzo di Fratenita (campanile progettato dal Vasari).

Goditi l’antica arte aretina con il tour alla scoperta delle opere di Giorgio Vasari.